AQUAS nasce dal comune desiderio di un gruppo di amici con competenze ed esperienze diverse, di dedicare un po' di tempo al prossimo.

La scintilla che accende il progetto scaturisce dalla scomparsa di Giovanni Marra, Presidente del Consiglio Comunale di Milano scomparso nel 2004 all'età di 43 anni, ancora oggi ricordato per la sua correttezza e attenzione verso il prossimo, un esempio di comprensione delle esigenze e dei desideri degli altri, un carattere mite, buono e onesto.
L'Associazione promuove e diffonde ogni espressione di carattere sociale intesa come elemento di sensibilizzazione, comunicazione, crescita individuale e di aggregazione in ogni forma e modo mediante organizzazione e supporto di manifestazioni sportive, culturali, scientifiche e didattiche.

Approfondisci

MEMORIAL GIOVANNI MARRA: SPORT E SOLIDARIETA' IN CAMPO CON LE FORZE DELL'ORDINE

20 marzo 1
Milano, 20 marzo 2019 – Umanità e impegno civico. Sono i valori alla base del Trofeo Interforze “Memorial Giovanni Marra”, presidente del Consiglio Comunale di Milano scomparso ad aprile 2004, che riporterà in campo per il quarto anno consecutivo le rappresentative delle Forze civili e militari.

 In questa edizione il Trofeo vuole lanciare anche un altro forte messaggio contro la violenza di ogni genere e scenderà in campo per “Dare un calcio alla violenza”; la campagna è stata presentata il 21 febbraio scorso presso la Casa di Reclusione di Milano Opera alla presenza del Prefetto di Milano e del Presidente Onorario della manifestazione dottor Renato Saccone e di tanti ospiti militari e civili rafforzata, nell’anno dei mondiali di calcio femminile, dalla presenza delle rappresentative di A.C. Milan e di F.C. Inter.

PREMI DI LAUREA GIOVANNI MARRA: 26 febbraio 2019"La CSR e il sistema bancario. Il caso Banca etica" è il titolo della tesi vincitrice del Premio in memoria di Giovanni Marra, Presidente del Consiglio comunale scomparso nel 2004.

46303173765_4890fd638c_b
A consegnare il riconoscimento alla dott.ssa Alessandra Certomà, laureata all'Università La Sapienza di Roma, sono stati, durante la cerimonia di premiazione a Palazzo Marino, il Presidente  Bertolé e l'assessore  Majorino. Con loro, Angelo Marra, fratello di Giovanni, e due membri della Commissione: Giancarlo Rovati, dell'Università Cattolica del Sacro cuore e Cesare Giannoni, dottore commercialista."Ogni anno, dal 2005, ci troviamo per ricordare e rilanciare il messaggio positivo lasciato a tutti quelli che si occupano di Milano da Giovanni Marra, con il suo impegno e il suo lavoro per le istituzioni", hanno detto il Presidente Bertolé e l'assessore Majorino. "Un modo di fare politica sempre attento al confronto e al rispetto delle idee e delle posizioni altrui, un esempio da seguire in un momento storico come quello che viviamo, fatto di toni e scontri politici molto duri". http://www.comune.milano.it/wps/portal/ist/it/news/primopiano/Tutte_notizie/presidente_consiglio_comunale/tesi_caso_banca_etica

 ALLA CASA DI RECLUSIONE DI OPERA PER "DARE UN CALCIO ALLA VIOLENZA" E DONARE UN DEFIBRILLATORE

opera 4
Milano  21 febbraio 2019:
Milano. Tanti illustri ospiti sono scesi in campo “virtualmente” alla Casa di Reclusione di Milano Opera, una grande formazione guidata dal Prefetto di Milano e presidente onorario della manifestazione, Renato Saccone e composta da” eccellenze” nei propri ruoli tra cui: il Provveditore regionale Luigi Pagano, il Direttore della Casa di Reclusione Silvio di Gregorio, il comandante della Guardia di Finanza Stefano De Braco, la 1° Dirigente Polizia di Stato Stefania Marrazzo, il comandante del Reparto Operativo dell’Arma dei Carabinieri Colonnello Luigi Manzini, il comandante della Polizia Stradale Paolo Barone, il comandante dei Vigili del Fuoco Carlo Dall’Oppio, il capo Ufficio Comando Aeronautica Militare Alberto Barugolo, il comandante della Polizia di Milano Marco Ciacci, l’assessore Regione Lombardia Melania Rizzoli, l’europarlamentare Lara Comi, la delegata del CONI Milano Claudia Giordani ed il direttore Partecipazione e Sport del Comune di Milano Andrea Zuccotti. “Una bellissima iniziativa che unisce tutte le istituzioni – ha detto il prefetto -. Un momento di incontro che seppur nella sua piacevolezza, lancia un forte e chiaro messaggio contro la violenza di ogni genere e sulla cardio protezione e che sottolinea che la normale rivalità sportiva sul campo trova altrettanta grande unione sui temi sociali”. Nel corso della serata sono state consegnate alcune targhe “Simbolo di Umanità ed impegno civico”. Il riconoscimento è stato istituito nel 2016 e riservato a chi si evidenzi per l’attenzione per il prossimo. Queste le motivazioni: al Prefetto Saccone: “Quando professionalità ed impegno si coniugano con a sensibilità, disponibilità ed attenzione per il prossimo”.
Alle rappresentative femminili di Inter e Milan: “Un simbolo nello sport, un esempio per la solidarietà ed il sociale”.Ad Amerigo Fusco, comandante della Polizia Penitenziaria di Opera: “Per il costante entusiasmo e propositività, per la presenza e la passione nel lavoro e per il prossimo”. Ed il cuore, comune denominatore delle attività collegate al Trofeo Interforze è stato ancora protagonista della serata attraverso la donazione di un defibrillatore alla Casa di Reclusione da parte del Comitato del Trofeo e del Partner Iredeem Philips.

trofeo-interforze
                     (ARCHIVIO NEWS 2018)